Close

Novembre 19, 2020

La cyber-estorsione a danno di enti pubblici o privati: il pagamento del riscatto è una soluzione esente da rischi?

Di recente, ci siamo interrogati sui delicati profili giuridici che si pongono a fronte del pagamento del riscatto da parte della vittima di un attacco informatico a mezzo ransomware.

Mentre il pagamento del riscatto da parte della persona fisica vittima del “classico” reato di estorsione non pone problematiche particolari in punto qualificazione giuridica, la questione necessita di essere ponderatamente esaminata nell’ipotesi in cui siano enti privati o pubblici a subire l’attacco informatico e a determinarsi nel soddisfare la richiesta estorsiva.

I profili che vengono in rilievo riguardano in particolare la responsabilità amministrativa ex D.lgs. n. 231/01, per le aziende private, e la responsabilità erariale, per i soggetti pubblici, nonché le conseguenze derivanti dall’omessa denuncia del fatto alle competenti Autorità.
Su tali delicate questioni, poco scrutinate dalla dottrina e sulle quali ancora non risultano precedenti giurisprudenziali in grado di orientare l’interprete, verrà pubblicato un contributo di B-Right Lawyers sul prossimo numero della rivista Privacy &.